I biscotti del malinteso

I biscotti del malinteso

13 Giugno 2019 0 Di Francesca


Ti piacciono i cortometraggi? Questo breve film è senza dialoghi, ma grazie all’espressività dei protagonisti, è molto semplice immaginare i loro pensieri!


Guarda il video e prova ad elencare le diversa emozioni che la vecchina prova nel corso di tutta la vicenda.

  • sorpresa


Ora riordina i paragrafi per ricostruire la vicenda.

  • Dunque si guarda intorno, e dato che non c’è nessuno nella sala, inizia a dare colpi al distributore per fare cadere i biscotti.
    Dopo un ultimo colpo forte, finalmente scendono e, tutta soddisfatta, li prende e li mette in borsa.
  • Lei è meravigliata e indispettita per come si comporta il ragazzo e, siccome lui continua a prendere i biscotti, lei si arrabbia molto. E diventa nera di rabbia quando, proprio all’ultimo biscotto, il ragazzo decide sfacciatamente di dividerlo.
    In quell’istante arriva il treno e la vecchina, sconcertata e imbestialita, sale sul treno lanciandogli un ultimo sguardo.
  • Una signora anziana arriva in stazione perché deve prendere il treno. Nella sala d’attesa vede un distributore di bibite e merendine. Si avvicina e vede che è finito tutto tranne un’ultima confezione di biscotti.
  • Tuttavia quando è sul treno si accorge che i suoi biscotti sono sempre stati nella sua borsa e quelli che aveva mangiato erano del ragazzo.
    Allora capisce il malinteso e rimane di stucco, ma in fondo, piacevolmente sorpresa dalla civiltà del ragazzo che, invece di fare notare alla vecchina l’errore, ha fatto finta di niente.
  • Felice di poter mettere qualcosa di goloso sotto i denti, fruga nella borsa in cerca di qualche moneta per prendere i biscotti.
    Inserisce i soldi, preme i pulsanti ma la confezione rimane bloccata nella spirale. Che sfortuna!
  • Esce al binario e si siede su una panchina a fianco ad un ragazzo che ascolta musica.
    Inizia a mangiare i biscotti in attesa del treno, ma anche il ragazzo al suo fianco comincia a prendere i biscotti e a mangiarli senza vergognarsi.


Ti è mai capitato un malinteso simile?

Mandami le tue risposte a frabizzotto@gmail.com 🙂